Benvenuti nella natura !

Il paesaggio agrario

Cos’è il paesaggio agrario?  È fondamentalmente la natura, la geomorfologia trasformata nei secoli dall’uomo secondo regole e processi distribuiti nel tempo, studiati ed applicati secondo la tipologia del terreno e della sua capacità produttiva. L’equilibrio con gli elementi, soprattutto l’acqua, che caratterizza la pianura medio padana, nel reticolo idraulico costruito nel tempo a partire dall’epoca epoca romana. L’imperatore Ottaviano Augusto inviando in questi luoghi i veterani più meritevoli intendeva colonizzare e premiare uno dei territori più fertili di tutto l’impero, della colonizzazione anche successiva rimane oggi la traccia nella centuriazione.

Il medioevo, con le bonifiche costruite su base scientifica dai monasteri, hanno reso caratteristico quello che noi oggi abbiamo davanti agli occhi.

I campi baulati, caratteristici nella zona a sud della provincia di Cremona,le grandiaziende agricole evidenziate  poi dai primi anni del XIX secolo nella cascina a corte chiusa cremonese, i piccoli poderi del mantovano o del sud bresciano.

Un argomento oggi particolarmente interessante per proporre un equilibrio fra produzione agricola e territorio, fra consumo di suolo e produzione alimentare, fra produzione da fonti energetiche alternative e industrializzazione dell’agricoltura.

Emilio Sereni, il primo a studiare la storia del paesaggio agrario, ha introdotto con i suoi saggi lo spunto principale per affrontare seriamente il rapporto fra antropizzazione e natura, fra produzione alimentare e distorsione o aberrazione produttiva.

Ricerca

Galleria Fotografica

09 18370044 img_2993 img_0345
Copyright 2013 Associazione Ecomuseo Valli Oglio Chiese